Il caos orbitale attorno a una nana rossa

Il caos orbitale attorno a una nana rossa

Regata delle stelle attorno a GJ436. A causa dell'inclinazione del piano orbitale, viene creata un'immagine straordinaria con un pianeta nascosto sullo sfondo (punto luminoso)

Siamo abituati ad osservare come i pianeti del nostro sistema ruotano lungo il piano equatoriale della stella nativa. Anche quest'ultimo fa una rivoluzione e l'asse della sua rotazione è allineato con gli assi di rotazione delle orbite planetarie. Tutto ciò costituisce un sistema ordinato. Ma lo spazio è capriccioso, perché gli scienziati dell'Università di Ginevra (Svizzera) hanno trovato un sistema invertito.

Il pianeta vicino alla stella GJ436 è stato chiamato "peloso" perché evapora, assomigliando ad una cometa. Ma si distingue non solo dalla presenza di un'enorme nube di gas, ma anche da un'orbita bizzarra. È polare: non è nel piano stellare equatoriale, ma passa praticamente sopra i poli stellari.

L'inclinazione dell'orbita di questo piano ha confuso gli scienziati negli ultimi 10 anni. Invece di un'orbita ordinata, GJ436 forma un'ellisse estremamente piatta ed estremamente eccentrica, a causa della quale la distanza tra il pianeta e la stella varia notevolmente lungo il percorso orbitale. Inoltre, il pianeta è sotto grandi maree perché è troppo vicino alla nana rossa (meno del 3% della distanza Terra-Sole). I percorsi orbitali sono importanti da studiare perché parlano del processo di formazione di un sistema e del suo passato. Se un pianeta più grande fosse vicino, si potrebbe spiegare la bizzarra rotazione di GJ436b. In questo caso, l'analisi mostra che dovrebbe ignorare il movimento circolare e scegliere un percorso inclinato (come visto nell'osservazione).

I calcoli mostrano anche che il pianeta potrebbe essere precedentemente situato più lontano dalla stella e avvicinato solo di recente. Probabilmente, c'è un satellite non ancora trovato, che lo influenza per gravità. Pertanto, il prossimo obiettivo è trovare un oggetto misterioso o smentire la sua esistenza.

Commenti (0)
Ricerca