Non dovresti considerare 1I / Oumuamua un ospite speciale

Non dovresti considerare 1I / Oumuamua un ospite speciale

Visione artistica 1I / Oumuamua - il primo oggetto interstellare nel sistema solare

Lo sciame spaziale simile a un sigaro 1I / Oumuamua causò un vero scalpore, diventando il primo visitatore interstellare trovato nel sistema solare. Ma cos'è? Un asteroide, una cometa o una nave spaziale aliena? Gli astronomi stanno ancora cercando una risposta, ma per ora, una cosa può essere chiaramente detta: non c'è niente di speciale in questo.

È molto probabile che trilioni di oggetti simili si muovano lungo la Via Lattea. E più precisamente, i loro 10 26. Sebbene 1I / Oumuamua sia considerato il primo ospite, gli scienziati osservano che tali oggetti interstellari non dovrebbero essere considerati un fenomeno raro. Probabilmente il problema è che non li abbiamo cercati prima con grande zelo.

In un nuovo studio dell'Università di Harvard, si ritiene che circa due corpi celesti simili passino ogni anno al Sole. Offrono anche un nuovo modo per analizzare la composizione e l'origine di Oumuamua confrontando l'oggetto con altre comete e asteroidi nel nostro sistema. Data la densità stimata delle comete interstellari, i ricercatori hanno scoperto che oggetti simili 1I / Oumuamua si scontrano con la nostra stella ogni 30 anni, e da qualche parte due corpi celesti finiscono nell'orbita di Mercurio ogni anno.

9 settembre 2016, il nostro ospite si avvicina a 0,26 a. e. al sole. Usando il telescopio Pan-STARRS 1 (alla ricerca di asteroidi potenzialmente pericolosi) alle Hawaii, è stato trovato un mese dopo l'avvicinamento alla Terra. Il rock ha ricevuto un nome hawaiano, che si traduce come "scout". Gli astronomi devono ancora affrontare la natura esatta, dal momento che le caratteristiche convergono con comete e asteroidi.

Per diventare un viaggiatore interstellare, un oggetto deve essere espulso dal suo sistema stellare nativo, ricevendo l'amplificazione gravitazionale da un gigantesco pianeta gassoso, come Giove, Saturno, Urano e Nettuno.

Commenti (0)
Ricerca