Nel rigonfiamento galattico è stato trovato un esopianeta massiccio

Nel rigonfiamento galattico è stato trovato un esopianeta massiccio

Una revisione del telescopio Spitzer sugli eventi di microlensing ha portato gli scienziati a trovare un pianeta enorme attorno a una stella che vive nella convessità della Via Lattea. Il pianeta è stato designato come OGLE-2016-BLG-1190Lb e questo è il primo mondo alieno trovato nel rigonfiamento.

Il microlensing è un metodo utile per trovare altri mondi nel disco galattico interno e rigonfiamenti in cui altre tecnologie falliscono. Le stelle di sfondo sono usate come puntatori. Se una stella passa prima del secondo, allora la luce si piega distante dalla gravità del primo e aumenta.

OGLE-2016-BLG-1190 è stato registrato nel giugno 2016 in collaborazione con l'esperimento gravitazionale OGLE. Questo è un progetto polacco dell'Università di Varsavia, che si concentra sulla ricerca di materia oscura ed esopianeti. Per fare questo, utilizzare il telescopio di 1,3 metri dell'Osservatorio di Las Campanas (Cile). Spitzer ha catturato un evento di microlensing pochi giorni dopo l'apertura. OGLE-2016-BLG-1190Lb è un mondo estremamente massiccio, la cui massa è 13,4 volte più grande dell'indice di Giove. Questo porta il pianeta alla linea tra l'oggetto planetario e il passaggio alla nana bruna. Pertanto, potrebbe essere una nana bruna di piccola massa.

L'esopianeta è a 2 stelle dalla stella. e. e spende su un sorvolo 3 anni. La stella ospite è una nana di tipo G, distante da 22.000 anni luce da noi. Lo studio del pianeta è importante non solo per la sua posizione, ma anche per capire se chiamare pianeti di questo tipo o stelle non riuscite.

Commenti (0)
Ricerca