Le collisioni stellari spruzzano elementi pesanti in piccole galassie

Le collisioni stellari spruzzano elementi pesanti in piccole galassie

Una galassia nana nella costellazione di Scultore è una delle più piccole galassie. Gli scienziati hanno scoperto che la maggior parte degli elementi pesanti di queste galassie sono formate dalla fusione di stelle di neutroni

I ricercatori del Caltech hanno scoperto che la fusione delle stelle di neutroni porta alla formazione della maggior parte degli elementi pesanti nelle piccole galassie nane. Elementi come l'argento e l'oro sono considerati la chiave per creare pianeti e la vita stessa.

Per oltre un decennio, gli scienziati hanno cercato di capire l'origine della maggior parte degli elementi più pesanti della tavola periodica, tra cui il 95% di tutto l'oro sulla Terra. Ora è noto che vengono creati quando i nuclei degli atomi nelle stelle catturano i neutroni. Questo è un processo veloce, quindi è contrassegnato come "processo-r".

Ci sono due posti favorevoli per tali eventi. Il primo è un raro tipo di esplosione stellare (supernova) quando vengono creati grandi campi magnetici. Il secondo è la fusione di due stelle di neutroni. Nell'agosto 2017, LIGO ha catturato una di queste collisioni. Per studiare il problema della creazione di elementi pesanti nelle galassie, gli scienziati hanno esaminato diversi tipi di nane vicine utilizzando l'Osservatorio di Keck (Hawaii). La Via Lattea è considerata una galassia di medie dimensioni, mentre quella nana è dotata di una massa stellare di circa 100.000 volte più piccola. I ricercatori hanno studiato quando sono comparsi gli elementi più pesanti.

L'analisi ha mostrato che le fonti dominanti del processo r nelle galassie nane si verificano in un periodo di tempo relativamente lungo. Cioè, sono apparsi più tardi nella storia dell'universo. È il ritardo che porta alla ribalta l'opzione con la collisione di stelle di neutroni.

I ricercatori sono spesso guidati precisamente dalle galassie nane. Questa specie fu isolata quando apparvero le loro stelle, rendendo possibile tracciare l'accumulo del processo r nel tempo.

Commenti (0)
Ricerca